s
s
s
s
s
s
s

El contenido de esta página requiere una versión más reciente de Adobe Flash Player.

Obtener Adobe Flash Player

Luigi Golinelli
Nacionalidad:
Italia
E-mail:
luigigolinelli@hotmail.com
Biografia

Luigi Golinelli

Luigi (San Felice sul Panaro 1955), poeta, vive a San Felice sul Panaro.

Ha pubblicato alcune poesie nell'antologia "L'angolo della poesia" (1994) e la sua prima raccolta poetica Il buio e la luce (1997), successivamente Accado (2000) , I Frutti del pensiero (2004) e infine I Lati della Sfera (2008).

Partecipando a concorsi letterari ha ottenuto significativi risultati: 1999, “Città di San Mauro Mare”, primo premio; 1999, “La Tavolozza”, Sanremo, primo premio; oltre a: quarto premio al “Capit” Fucecchio; 1999 e 2004 “Ercole Labrone-Yorick”, primo premio; “Città di Pompei” secondo premio; 2001, “Il bosco degli gnomi” primo premio con la silloge Varuna; 2004, “Un mare d’inverno” Noli  Savona, primo premio; 2005 “I celi azzurri della libertà”,Broni Pavia 1° premio; 2005 Trofeo Titano RSM; nonché segnalato in molti altri premi nazionali. Dal 2001 è socio onorario del Circolo culturale “La Tavolozza” di Sanremo.

È stato eletto vice presidente del circolo culturale “Vocedarte” di Camposanto.

Fa parte delle giurie dei seguenti concorsi: “Omaggio a ….”di San Giovanni in Persicelo; “ La tavolozza “ di Sanremo; Scrittura Creativa “ liceo Morandi di Finale Emilia e “Il Trebbio” di Riolunato Modena.

 

Timidamente

 

Timidamente

recolherei as últimas luzes

de um dia ensolarado de inverno,

 

olharei atônito o presente,

e procurarei sóis perdidos.

 

O dia da memória

 

Olhei por um instante

a história,

vi as lágrimas

dos nossos pais.

 

Olho as notícias de hoje,

e vejo as lágrimas

dos nossos fihos.

   

TIMIDAMENTE    

 

Timidamente,

raccoglierò le ultime luci

di un giorno soleggiato d’inverno,

 

guarderò attonito il presente,

e cercherò soli perduti.

 

IL GIORNO DELLA MEMORIA   

 

Ho guardato un attimo

la storia,

ho visto le lacrime

dei nostri padri.

 

Ho visto la cronaca di oggi,

e vedo le lacrime

dei nostri figli.

 

Recolherei

 

Recolherei

todo o infinito

dentro de mim,

para presentear

a vida

e a morte

em um momento.

 

Enquanto o sonho

do homem morre,

na incerteza

de demasiadas verdades.

 

RACCOGLIERÒ  

 

Raccoglierò

tutto l’infinito

dentro di me,

per regalare

la vita

e la morte

in un attimo.

 

Mentre il sogno

dell’uomo muore,

nell’incertezza

di troppe verità.

 

Dois mundos

 

Talvez,

virei a procurar a paz

na casa no bosque;

no verde, no vento,

no escuro e na chuva.

 

Ou me esconderei

entre mil vultos anônimos,

nas calçadas

de cidades sem nome,

precárias entre a paz e a guerra

 

Com toda

a coragem e a loucura,

cavalgarei de novo

todos os silêncios da vida.

 

Roubarei todas

as luzes e as sombras

de cada alvorada,

de cada crepúsculo.

 

Para dar vida a

novos planetas

dispersados no espaço,

 

enquanto o homem

percorrerá ainda

velhas estradas

Com os erros (horrores) de sempre.

DUE MONDI  

 

Forse,

verrò a cercare la pace

nella casa nel bosco;

nel verde, nel vento,

nel buio e nella pioggia.

 

O mi nasconderò

tra mille volti anonimi,

sui marciapiedi

di città senza nome,

in bilico tra la pace e la guerra.

 

Con tutto

il coraggio e la pazzia,

cavalcherò ancora

tutti i silenzi della vita.

 

Ruberò tutte

le luci e le ombre

ad ogni aurora,

ad ogni tramonto.

 

Per dare vita a

nuovi pianeti

dispersi nello spazio,

 

mentre l’uomo

percorrerà ancora

vecchie strade

con gli e(o)rrori di sempre.

 

Esperando a primavera

 

Sinto o tempo

que se dobra

sob o meu caminho,

pisando amores e dores

como folhas de outras estações

 

Do frio protegerei

com cuidado o corpo,

à espera de sentimentos

de novas estações

 

porque o tempo,

como a onda,

atropela gérmens de amor

e folhas secas de indiferença

 

Não procures além

 

O tempo

Nos rouba

As nossas respirações

De amor e de afeto

 

Nao procures além,

A vida é toda aqui.

 

ASPETTANDO LA PRIMAVERA  

 

Sento il tempo

che si piega

sotto il mio cammino,

calpestando amori e dolori

come foglie di altre stagioni.

 

Dal freddo proteggerò

accuratamente il corpo,

in attesa di sentimenti

di nuove stagioni,.

 

perché il tempo

come l’onda,

travolge germogli d’amore

e sterpaglie di indifferenza.

 

NON CERCARE OLTRE 

 

Il tempo

ci ruba

i nostri respiri

d’amore e d’affetto.

 

Non cercare oltre,

la vita è tutta qui.

 

 

 

 

 

 

 

Desarrollado por: Asesorias Web
s
s
s
s
s
s