s
s
s
s
s
s

El contenido de esta página requiere una versión más reciente de Adobe Flash Player.

Obtener Adobe Flash Player

Eugenia Serafini
Nacionalidad:
Italia
E-mail:
serafinieugenia@gmail.com
Biografia

Eugenia Serafini

Docente universitaria, artista e scrittrice/performer, giornalista, si è laureata in Lettere Classiche all’Università La Sapienza di Roma ed è stata allieva del grande Natalino Sapegno.

Figura complessa e interessante, è stata Docente di Storia dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Carrara e dell’Accademia dell’Illustrazione e della Comunicazione Visiva di Roma, e dal 1999 Docente di Disegno dell’Università della Calabria.

E’ nata a Tolfa (RM), attraente borgo etrusco, nel 1946 e il suo percorso culturale l’ha portata a diventare artista nota nell’arte contemporanea internazionale.

Poeta performer e installazionista, lavora da anni alla contaminazione intermediale e all’arte totale, utilizzando e fondendo gli apporti di diversi rami creativi: da quello visivo-digitale a quello teatrale, poetico e musicale che utilizza nella creazione delle sue installazioni performative. Le sue SCULTURE LEGGERE, i BESTIAIRE, le ICONE SU METALLO, le INSTALLAZIONI PERFORMATIVE portano una ventata di innovazione nell’ambito dell’espressione artistica a livello internazionale, aprendo la strada ad un nuovo e ricchissimo modo di intendere l’opera d’arte, stimolo per addentrarsi nel ricchissimo mondo dei sensi e al di là di questi, nei segni interiori, pronta a cogliere ogni più profonda emozione/commozione.

Per questo i suoi segni/segnali spaziano dal colore alla parola scritta o interpretata, ai materiali industriali piegati al calore della poesia, alle preziose carte realizzate a mano da lei stessa con l’amore e la dedizione antica, alla scelta delle pietre, delle spezie, dei cordami, dei frammenti di collane da manipolare nella creazione artistica, lasciando in ogni opera  l’impronta anche fisica di un fare che non esime da profondi risvolti esistenziali.

Direttrice editoriale dell’Accademia in Europa di Studi Superiori Artecom-onlus, ne ha ideato e dirige la Collana di Libri d’Artista e la Sezione per l’Ex-libris ed è responsabile delle rubriche di Arte e Letteratura Contemporanea  della rivista FOLIVM.

Per dieci anni ha curato e presentato a Roma le mostre della D’ARS Agency di Milano, diretta dal critico Pierre Restany. Numerose le sue pubblicazioni di saggi e monografie di artisti moderni e contemporanei.

Ha scritto e pubblicato raccolte di poesia, fiabe, opere teatrali e racconti brevi tradotti e pubblicati in romeno, arabo, inglese e francese. Vanta una vasta produzione di scrittura creativa, libri d’artista e mailart, video. Realizza da anni eventi di Cultura sul Territorio nella città di Roma ed eventi multimediali con partecipazioni di altissimo livello: Accademie in Mostra, FaVolando, Pasaggi non obbligati, L’albero delle nostre parole., da Dacia Maraini a Camilleri, dalla Spaziani a Mario Verdone e tanti altri.

E’ tra i promotori del prestigioso “Premio ARTECOM-onlus” per la Cultura.

E’ stata invitata a Stages, Simposi e Installazioni performative in Italia, U.S.A., Europa Orientale, Egitto, Francia, Germania,  Israele, Lituania, Romania, Ucraina e ha fondato nel 1998 il Museo di Arte Contemporanea “Micu Klein” di Blaj, in Romania.

Sue opere si trovano nei Musei di questi paesi e in Collezioni private.

PREMI E PARTECIPAZIONI RECENTI

       -  SOTHEBY’S, Asta di Arte Contemporanea a favore Mediterranean Peace Channel, promossa da CIPMO, a cura di Arturo Schwarz, Auditorium Unicredit,Milano 2015

       - Mostra “Mappa dell’Arte Nuova”, IMAGO MUNDI, Luciano Benetton Collection, Venezia,     Fondazione Cini, Isola S. Giorgio maggiore, 2015

- “Focus Latin America: Art Is Our Last Hope”, MomOrchid Gallery, International Mail Art, Phoenix, Arizona, 2014/2015

-          Poeti Norvegesi e poeti Italiani si incontrano: PoeTolfa, Performance di E. Serafini: “Come radici nella terra”, Teatro del Centro Culturale Norvegese, Tolfa 2015

-          IMAGO MUNDI, Mostra “Praestigium, Contemporary Artists from Italy, a cura di Luca Beatrice per Patrizia Sandretto Re Rebaudengo e Luciano Benetton, Torino, 2015; Le GiralUne, per il Ciclo Nuove Stagioni, a cura di Carlo Franza, Galleria ArteStudio 26, Milano 2014/15;

-          -Storie e Cronistorie da boccaccio ai nostri giorni, Mostra personale a cura di Carlo Franza,  Roads of Europe, Plus Berlin, Berlino 2014; La scuola del silenzio: monocromi rosssi, Mostra di gruppo a cura di Carlo Franza, Liceo Artistico Statale di Brera, Milano, 2014;

- SOTHEBY’S, Asta di Arte Contemporanea a favore di CIPMO-HOPE, “Nutrire la pace. Energia per la vita”, a cura di Arturo Schwarz,  Palazzo Reale, Milano 2014

-          “I belong. Who’s handicapped-you or me?”, International Mail Art, Diakonie Stiftung Salem, Minden (Germany) 2014; “City of the future”, International Mail Art , Ratsschule AuBenstelle, Melle (Germany), 2014; “Our school in the city”, International Mail Art, Herder-Gymnasium, minden (Geramny) 2014;

-          Targa alla Carriera del Comune di Tolfa e dell’Associazione “Artisti Arte per”

-          “Focus Latin America: Art Is Our Last Hope”, International Mail Art, Phoenix Art Museum, Phoenix, Arizona, 2014;-  41° Premio Sulmona 2014 - -Beit Hai’r Museo,Tel Aviv-Giaffa, sotto l’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica Italiana: ”Il libro D’Arte e D’Artista” 2013, cura di C. Siniscalco, -Premiata con il Leone d’Argento per la Creatività 2013 alla Biennale di Venezia, - Settimana della lingua araba e della cultura egiziana in Italia, Seconda Edizione, Roma, 2013; -Premio LimenArte 2012 e 2010 cura di G. Di Genova; -54 Esposizione Internazionale d’Arte la Biennale di Venezia 2011; -53 Esposizione Internazionale d’Arte la Biennale di Venezia 2009; ARTOUR-O, Firenze 2009, -Premio Sulmona 2008, -Premio TERNA 2008, - Red carpet alla 66^ Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, interprete nel film “POETI” di Tony D’Angelo 2009; -Premio Sulmona 1998, 2006,  2008;-52 Esposizione Internazionale d’Arte la Biennale di Venezia, 2007; -A.R.G.A.M.- Primaverile Romana 2005;  - Biennale Libro d'Artista Città di Cassino, 2003 e 2004; - Premio Michetti 2003;  Histoire Gothique e Il pescatore di sOgni, Installazione, ambientazione e Performace con gli Attori dell’Acc.mia d’Arte Drammatica P. Scharoff, Accademia di Romania in Roma, 2003; Il pescatore di sOgni, installazione e Performance aperta con gli Studenti, Università di Bucarest, Craiova e Iaşi (Romania) 2003; HO UN SOGNO: LA PACE, Installazione in 3 “Stanze” e Performance aperta ai poeti, Galleria centro Luigi Di Sarro, Roma, 2002; Questi sono i miei fiumi, Mostra e Performace, Centro Culturale Egiziano, Roma 2002; -Premiata al Premio Italia per le Arti Visive 2001,- 2000; Alle Regine d’Egitto: ritorno al sacro, Mostra personale, BNL, Roma, 1999/2000; Epifania, Mostra, Galleria Giulia, via Giulia, Roma 2000; Regina dei Profeti, Mostra a cura di Carlo Franza, M.I.M.A.C., Alessano;  Mostra Incontro-Confronto tra Artiste Italiane e d Egiziane, Centro Culturale Egiziano, Roma 2000; Le Vie del sacro, installazione e Performance, University of Fine Arts, Luxor, Egitto, 1999; Mostra degli Artisti invitati al 2° Simposio Internazionale d’Arte Micu Klein, e fondazione del Museo d’Arte Contemporanea Micu Klein, Blaj, Romania, 1998; XXVII Congresso Int.le di Ex-libris, FISAE, San Pietroburgo, 1998;  Dedicated to a small seagull, Monserrat Gallery, New York, U.S.A., 1997; Mostra alla 41 Colony Exibition, Center of Contemporary Visual Arts, Prilep, Macedonia, 1997; From Italy with love, Mostra di gruppo, Scuola G. Marconi, New York, U.S.A., 1997; ARIA, Mostra di gruppo, Scuola G. Marconi, New York, U.S.A., 1997; Con la testa fra le nuvole, Mostra personale, Galleria Vittoria, via Margutta, Roma 1997; Frammenti d’etere: le vie del sacro, Installazione, Galleria Studio D’ARS, Milano, 1996;  Meringarte, bella da mangiare, performance, Teatro I Miti e Barcone sul Tevere (Ass.ne Diletta Vittoria), Roma, 1996: Portaits-Hera, Installazione,Universidade Federla Do Espirito Santo, Brasile, 1995; Bolle di sapone, Performance aperta con gli studenti del Laboratorio di Fisica, Tridente e Trinità dei Monti, Roma, 1995;  Forme effimere di geometria frattale: NUVOLA e Portraits, Installazione-ambientazione e VIDEO-PERFORMANCE, Salone della FIAT AUT, v.le Manzoni, Roma 1994/95; Fata Morgana, Installazione-ambientazione-Performance poetica, Café Les folies, Roma 1994; Biennale di Sarajevo, ambientazione “La Spirale” e Performance “Irma” con gli Studenti del Laboratorio di Fisica, Galleria Cordoba, Roma 1994; Il disagio-Indiano NO!, Laboratorio in Progress, Ex Centrale del Latte, Roma 1994; VIDEO-PERFORMANCE NUVOLA A E NUVOLA B, Palazzo della Civiltà del Lavoro, Roma 1994; Graffiti metropolitani, Installazione-Performance aperta e VIDEO-PERFORMANCE, Ex Centrale del Latte, Roma 1994; La Spirale, FOTO-PERFORMANCE, Gianicolo, Roma 1994; Nuvola A, Nuvola B FOTO PERFORMANCE Laghetto dell’EUR, Roma, 1994.

-          COLLEZIONI PUBBLICHE

-Blaj, Romania, Museo di Arte Contemporanea

-Bronzolo, Italia, Centro di Documentazione dell’Illustrazione contemporanea

-Firenze, Collezione della Società delle Belle Arti

-Luxor, Egitto, Pinacoteca dell’Università di Belle Arti

-Milano, Italia, Collezione della Fondazione Oscar Signorini onlus

-New York, USA, Collezione della Scuola G: Marconi

-Prilep, Macedonia, Center of Contemporary Visual Art

-Roma, Ambasciata della Repubblica Araba d’Egitto, Centro Culturale Egiziano

-Roma, collezione della Banca Popolare di Milano

-Ruffano, Italia, Pinacoteca Comunale

-San Francisco, USA, California State University

-Pieve di Cento, Italia, Museo Bargellini

-Biblioteca Comunale d’Arte, Archivio del Libro d’Artista, La Spezia

-Biblioteca-Mediateca G. Baratta, Archivio della Poesia del ‘900, Mantova

-Archivio del Libro d’Artista, Cassino

-Archivio del Futurismo, Vercelli       

-Museo della Carale Accattino, Ivrea

-Worldmuseum2000, Cesano Maderno (privato)

-Collezione CIPMO, Milano

- “Imago Mundi” Collezione Italiana della Fondazione Benetton Studi e Ricerche, a cura di   Luca Beatrice, Torino

-Archives of American Art,  J. Helder Jr. Papers (International mail Art), Smithsonian Institution, Washington, D.C. (U.S.A.)

 

PUBBLICAZIONI

E.Serafini, piccola utopia- frammenti per un ideale,poesie, Frosinone 1995

E. Serafini, Les oiseaux, fiaba in versi, Roma 1997

E. Serafini, I racconti del Laurentino 38, Roma 1998

E. Serafini, L’uccellino d’argento, fiaba in versi, Roma 2000

E. Serafini, Il teatro in scatola, Roma 2001

E. Serafini, L’albero delle meraviglie, Roma 2006

E. Serafini, Canti di cantaStorie: il mio teatro di performance, Roma 2008, p. 450+VIDEO

E. Serafini, La valigia delle parole, Quaderni del Dipartimento di Scienze dell’Educazione – UNICAL

7/Nuova serie 2012, Ferrari ediz. 2013

E. Serafini, Canto dell’effimero, e-book, Flower-ed, 2013

 

VIDEO

Nuvola, ediz ARTECOM-onlus, 1995; Histoire Gothique, E. Serafini storia iconica, F. Pitto storia sonora, La bottega dell’antropologo 2002; Eugenia Serafini in Performance con gli attori dell’Accademia P. Scharoff all’Accademia di Romania, Artecom 2003;  Eva che mangia la luna, ediz. Artecom 2005; Eugenia Serafini in performance, ediz. La Scatola Chiara e Artecom-onlus 2008; Gocce di fantastica, laboratorio di libri d’artista con i bambini,  ed. Artecom 2010; I cavalieri del vento, installazione, Artecom-onlus 2010; Flash poetry, tavole di E. Serafini, animazione di A. Cannizzaro, Artecom e La Scatola Chiara ediz, 2011; Arcobaleno e Bollicina, tavole e storia di E. Serafini, animazione di A. Cannizzaro, La Scatola Chiara 20012; “MOSAICO”, dedicato al genocidio Armeno, disegni di Eugenia Serafini, testo, animazione e regia di Angela Cannizzaro, Roma, La Scatola Chiara ediz, 2015.

 

 DI LEI HANNO SCRITTO

Nicolò G. Brancato, Franca Calzavacca, Grazia Chiesa, Mario De Candia, Giorgio Di Genova, Lawrence Ferlinghetti, Luigi Fontanella, Carlo Franza, Gualtiero Harrison, Dante Maffia, Maria Grazia Martina, Umberto M. Milizia, Angela Noya, Elio Pecora, Plinio Perilli, Cesare Pitto, Loredana Rea, Vito Riviello, Renato Sirabella, Duccio Trombadori, Liliana Ugolini, Mario Verdone.

 

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

L. De Matteis-G. MaffeiLibri d’artista in italia 1960-1998, Arignano (TO), 1998

Monografia: D. Trombadori, C. Pitto, M. Verdone, Eugenia Serafini, a cura di U. M. Milizia, Roma 2003

D. Trombadori, C. Pitto, M. Verdone, Catalogo, Eugenia Serafini,  Roma 2003

Catalogo delle collezioni Permanenti, Museo D’Arte delle generazioni Italiane del ‘900 “G: Bargellini”, Pievedicento, vol. / Generzione Anni Quaranta, ediz. Bora, Bologna, 2005, p. 15 e 264

G. DI GENOVA, Storia dell’Arte Italiana del ‘900 per generazioni, Generazione anni quaranta, tomo I, Ediz. Bora 2007, foto in sovraccopertina e pp. 555-559 (ampiamente trattata)

Cataloghi della Biennale di Venezia, Marsilio 2007, 2009, 2011

D. Trombadori, C. Strozzieri, C. Franza, Catalogo: Dall’icona al gesto, Roma 2010 +VIDEO

A.A.V.V., Catalogo alla Mostra -”Il libro D’Arte e D’Artista”, Israele 2013, cura di C. Siniscalco, Beit Hai’r Museo,Tel Aviv-Giaffa, sotto l’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica Italiana.

LUCIANO BENETTON, LUCA BEATRICE, Praestigium Italia II, imago mundi, Luciano Benetton Collection, Contemporary Artists from Italy, Fabrica 2015, pp. 398, 399, foto a colori e biografia.

 

www.eugeniaserafini.org       www.artecom-onlus.org

e-mail:serafinieugenia@gmail.com

Via dei Campani, 38, 00185 Roma (Italia)

cell.39347.1871523    

 

Da Storia dell’Arte Italiana del ‘900

Di Giorgio di Genova

Ediz. Bora, 2007, pp.555-559

“Dopo aver affinato i propri strumenti sin dal 1973 partecipando a premi, mostre e rassegne, nonché realizzando performances, Eugenia Serafini, studiosa d’arte, docente, poetessa, saggista, organizzatrice di incontri multimediali, negli anni Novanta si è affermata nell’ambito delle installazioni, delle opere ambientali, delle performances, della mail-art, dei libri d’artista e della ricerca digitale.

…Impegnata a portare la poesia nei luoghi della vita quotidiana, spesso realizza versi materici e tattili, non a caso, per queste memorie di natura, fatti di rami e di licheni, ma anche di pietra. Di sbrigliata versatilità Eugenia Serafini utilizza la pittura e diversi materiali, dalla stoffa al cartone, dai nastri ai tubi di rame e altro, investendo o vestendo monumenti e luoghi pubblici.

…L’ipirazione alla natura è una delle costanti nel lavoro della Serafini, che sin dal ’94 si era ispirata alla nuvola e alle farfalle, queste ultime addirittura dipinte in un lungo cartone ondulato che poi, disteso su un prato, ha fornito l’immagine del catalogo della sua mostra installazione alla Fiat,  Forme effimere di geometria frattale: Nuvola, a ribadimento dell’importanza per l’artista di Tolfa delle ali, come sta a testimoniare la sistemazione sul ponte S. Angelo del cartone ondulato di m. 1x7 Le Ali degli Angeli.

Così, essendo l’intervento pittorico in acrilico in linea col versante neoinformale, col suo fitto tratteggio giustapposto di segni di diverso cromatismo, com’è comprensibile per una che come lei ama la scrittura, appariva allusione a metà tra il rimando del piumaggio delle ali e l’imitazione delle increspature della superficie dell’acqua del sottostante Tevere. E ancora la natura…tornava ad essere proclamata in pittura come momento di poesia, cioè diveniva aspetto del lirismo di Eugenia Serafini, vera viandante nella poesia, in cui ha scritto versi contro la guerra, e nella performance, ambito prediletto in cui ha creato installazioni, ambienti ed eventi di varia natura, mescolando pittura, poesia, musica, scrittura, declamazione, gestualità, sia corporale che pittorica, racconti, ricordi, (anche di Giorgiana Masi), allusioni al sacro, eat-art e tante altre cose, confermando il credo sinestetico come un programma, oltre che di arte, di vita. “

 

Mario Verdone, professore emerito dell’Università La Sapienza di Roma, così scrive nella presentazione a catalogo della mpstra “Bestiaire d’amour”, 2008:

…Le sue installazioni, come sostiene lei stessa, sono espressioni complesse di arte coniugata con la natura, con l’infinito e il non finito. Alla pittura tradizionale, alla scultura dei maestri, preferisce il lavoro su lastre di zinco, su ritagli di metalli leggeri, superfici trasparenti che rifrangono la luce. Colpisce quella sagoma di rossa testa di destriero infernale che trova spazio nel plexiglass e al rovescio diventa poema azzurro e la stuoia barbara che non è tappeto nobile ma festa ora sommessa, ora gridata di detriti e di colori. Si avverano quelle intuizioni e quei detti di Marinetti o Duchamp che tutto può diventare arte. “

 

Lettera del prof.  Duccio TROMBADORI ad Eugenia SERAFINI

 

“Cara Eugenia,

Rivolgendoti alle menti e ai cuori, tu inviti sempre a compiere piccoli e grandi viaggi nella fantasia, oppure nel lieve dormiveglia dell'incanto lirico , magari sognando ad occhi aperti, o per costruire castelli in aria ,se qualcuno ne è  capace.

Ma in ogni caso  anche quando si manifesta con leggerezza, il sogno è sempre  una attenta parodia della vita , del suo procedere  rischioso nella foresta di simboli in cui si esprime la nostra avventura mortale.  Così di metafora in metafora la presenza estetica di Eugenia passa leggera , secondo il comportamento della farfalla che vive per un giorno solo con la medesima intensità di un secolo . Chi condivide l'esperienza visiva, tattile, sonora della sua espressività  attraversa un campo comunicativo da cui uscirà sicuramente trasformato nel modo di vedere e di sentire .  E proprio questo vorrei testimoniare di persona per l'effetto di contagio che su di me ha avuto la irradiazione poetica di Eugenia Serafini . Il suo è un mondo di divinità femminili , dal passo svelto come Diana cacciatrice e misurato dal ritmo vitale come la Luna . Ed è capace di trasmettere un sentimento cosmico da tutti i frammenti della nostra esistenza . Cavalieri , armi , amori, donne sbucano come allegri fantasmi ariosteschi dalla segnaletica pubblicitaria , dal caos metropolitano, grida di angoscia e di amore di tutte le madri del mondo, dei reietti e dei dimenticati, dai luoghi inquinati, dalle grida di dolore e di speranza che salgono dal sottosuolo del mondo .

Così Eugenia trascorre il tempo parodiando con metafore allusive e ci avvicina al senso di riposte verità, o di antichi rituali che si ripetono nello spettacolo della nostra vita in una selva fluttuante di parole. “

 

E ancora il prof. Carlo FRANZA, critico d’arte e curatore di eventi artistici, in una profonda recensione sulla rivista LeadershipMedica, n.283, anno 2009:

 

“Eugenia Serafini è un intreccio fra tutte le arti, ella infatti dipinge, fa scultura, mette in piedi installazioni, inscena performance, è fine poetessa e scrittrice, ed ancora è illustre docente nell’Università della Calabria.

Eugenia Serafini che vive a Roma e qui fin dagli anni Sessanta ha frequentato il più bel mondo intellettuale, per poi divenire oggi ella stessa un punto di riferimento significativo per quanti nell’arte trovano il coraggio di dichiarare messaggi sapienti oltreché forti, e farsi traino di una bellezza generante e la sola di salvare il mondo.

Un’intellettualità prestigiosa la sua ma anche emozionante per una sorta di fresca comunicazione che sale dal suo operare, dal suo dipingere, dal suo  mostrare immagini che sono spesso sollecitate dal mondo e dalla natura che le ruota attorno.

Eugenia Serafini riscrive a colori le mitologie  del mondo, della terra e del cielo, riducendo e apportando segni e memoria alla grande ricchezza della natura. Nelle sue opere l’arte vive l’energia del visibile e dell’invisibile, nel senso che tutto riprende a vivere sotto altra forma, per via di una ricchezza interiore travasata e capace di lasciar leggere non solo una geografia del mondo, ma anche una geografia esistenziale e umana.

…Non dimentichiamo che l’operato di Eugenia è uno scavo intenso, una trasmutazione estetica del dipingere, un sottile e segreto modificasi delle superfici mimate ad intenzioni poetiche, un fermentare immagini e colori attorno a una poesia che orchestra e tiene insieme l’intero creato.”

 

 

Desarrollado por: Asesorias Web
s
s
s
s
s
s