s
s
s
s
s
s

El contenido de esta página requiere una versión más reciente de Adobe Flash Player.

Obtener Adobe Flash Player

Giuseppe Napolitano
Nacionalidad:
Italia
E-mail:
napolitano.giuseppe@ymail.com
Biografia

Vola alta, parola…
[per Mario Luzi]

Salutare parola alta vola
vola oltre questo specchio che mi opprime
– nell’essere incurabile ferita –
alta a rigare un cielo di lavagna

specchiata verità a dirsi quanto
preziosa fu la tua sofferta impresa

Nei contorni del vero un inciso
cui l’occhio attento miri e sbagli
mira di poco appena appesantito
abbagliato
di nebbia circonfuso nel ricordo
ilare se la caccia fu propizia

e il discorrere magma nel fuoco
di una febbre vorace a salire

Primizie portando al mio deserto
– nella riconquistata piana via –
una lettura confidente schiude

Pacificata compiuta finitudine

[2007]

Di questi giorni

Di questa sconcertante verità
che non si può derubricare con un exit
e lavarsene le mani coram populo
se il popolo non si accontenta più
intransigente nel desiderare
circenses ormai solo in quantità

di questo carnevale che la vita
avrebbe fatto meglio a darsi pace
e non attenderlo inerte more solito
carnevalesco un abito indossando
apparenza neghittosa quotidiana
e non sapendo come liberarsene

di questi giorni affascinanti come spire
insidiose di serpenti che attanagliano
speranze accatastate sgretolandole
crudeli quando invece si vorrebbe
districarle piano piano e riuscire
in extremis a non perderne qualcuna

[2007]

Sangiuseppe 2007

Sono sempre ancora troppo giovane
per aver voce da solista nel coro

ma i poeti di vent’anni ormai starnazzano
imperterriti e sicuri al confronto

povero me che – apprendista discreto
– non seppi come scavalcare gli steccati


ogni combriccola mi andava sempre stretta
e da solo con fatica trovi ascolto


invecchiando spero almeno come il vino
buono lo troverò un intenditore?

ho sparpagliato a sorsi e sorsi l’esistenza
a giovani e non più – ma fate presto

:la curiosità mi fa impaziente
di sapere quanto ancora avrò da offrire

[2007]

In avventura
A Renzo e a tutti quelli che hanno fede

Mi sono già più volte messo in croce
per voler credere ancora nella vita

quella dico avuta in avventura
e poco in verità saputa meritare

pertanto mi preparo a scegliere parole
di circostanza ove il bisogno lo richieda

non so quali saprei di poter dire
a chi ancora da me voglia fiducia

e dalla croce mi tirasse ancora giù
accompagnandomi un pezzetto di strada

se nel futuro ormai disalberato
fossi costretto a navigare a vista

[2008]

Il colore dei tuoi occhi

Sulla prospettiva Nevskij non ho voglia
così lontano di rincorrere i tuoi occhi

esotiche beltà mostrano al sole –
anche quando non c’è gli occhiali scuri
– vesti sdrucite: fashion improbabile

quanto nella sua modestia più attraente
lo sguardo tuo se mi sorride arreso
di fronte a me sull’orizzonte che sbiadisce

Come dire il colore dei tuoi occhi? cantano
arie western appassionandosi a remote
stelle di un cielo [you’re my rainbow!]
sotto il quale è inutile aspettare il sonno

ma vieni vieni e non aver paura
pure tu con quel tuo sguardo boschivo
se al lupo al lupo non riesci a gridare
da inesistenti allarmi spaventata
da un pericolo che non esiste più
e non potrebbe [come perduta sei
giovinezza che fu] essere più alieno
sul lungomare della mia serenità

[2008]

Perché domani non sappia di domani
A mio fratello in memoriam

how many years – quanto ancora
starò a rimproverarmi per essere cresciuto
meno di come avrei dovuto per essere
detto un uomo: se questo è un uomo –

quanti modi ci sono per esserlo e per
sentirselo dire – ma importante ancora
di più è rimanere tra gli uomini
confidando in una traccia – magari
camminando a ritroso dentro l’orma
fino a giungere [hic optime manebimus]
dove il giardino dei ciliegi è sempre in fiore

immeritato eden ritrovato
del quale infine riconoscere almeno
un momento prima di sbagliare
quale errore incredibile sia credere
di potersi impunemente misurare
con la genesi di un nuovo ideale –
ma tu calchi nel vento i tuoi passi
e sei voce di nuvole in pianto

[2009]

Biografía:
GIUSEPPE NAPOLITANO
è nato a Minturno [Lt - Italia] il 12.2.1949 e risiede a Formia.

Lau­rea­to in Lettere a Roma con una tesi sul teatro surrea­lista francese, ha insegnato per 33 anni. Presidente dell’Associazione culturale “la stanza del poeta”, si dedica alla promozione della letteratura e in particolare della poesia.

Principali pubblicazioni di poesia: Mo­men­ti 1970; Den­tro l’orma 1978; Ma­schera 1978; Se rincorri un po’ di ieri nel do­mani 1989; Creatura [premio 'Alfonso Gat­to'] 1993; Poesia / non po­e­sia [premio 'Por­tico di Onofrio'] 1994; Parola di parole 1998; Cuore di sabbia 1998; Partita 1999; Equilibrio variabile / Equilibrio 2000; Passaggi [5 piccoli libri], 2002; Sextines de Campodimele / Sestine di Campodimele [trad. da Nicole Drano Stamberg] 2002; Insieme a te io sono nato ancora 2003; Alla riva del tempo 2005; Il tempo trovato [poesie dell’adolescenza] 2006; Vola alta, parola [poesie 2002-2007] 2007; Via crucis [meditazioni a S. Giovanni Rotondo] 2008; Antologia [poesie 1967-2007] 2009; Misura di vita/Medida de vida [con traduz. in spagnolo di Carlos Vitale] 2009; Ditet e Naimit [con traduz. in albanese di Elvana Zaimi] 2009; Quadernetto 2010; E poi... [con traduz. in arabo di Abdelmajid Youcef] 2010.



napolitano.giuseppe@ymail.com

 

Desarrollado por: Asesorias Web
s
s
s
s
s
s